Gruber: i 10 problemi di Apple

Qualche giorno fa ho avuto tempo di gustarmi con molto interesse il video “The Gruber 10: Apple’s Top Issues”, che si può facilmente trovare su questo indirizzo. Il video consiste in un talk che John Gruber ha tenuto all’ultimo MacWorld a San Francisco. Il talk consiste in nell’elenco di quelli che, secondo Gruber, sono i dieci principali problemi di Apple oggi.

A parte il buon modo di parlare di Gruber e la sua facile comprensibilità anche in inglese, è stato per me molto interessante comprendere il suo punto di vista e conoscere quali solo le argomentazioni principali per cui ha inserito i suoi punti nella lista. Lungi da me voler fare una traduzione parola per parola di quanto detto da Gruber, ma credo che possa essere interessante condividere ed eventualmente discutere di quanto da lui affermato. L’articolo potrà essere un po’ lunghetto, ma credo che ne valga davvero la pena di leggerlo fino in fondo. Continua a leggere

Novità di MacWorld 2008

Dopo le prime anticipazioni e i vari rumori che abbiamo potuto leggere sui vari siti e blog che parlano della mela, eccoci arrivati al MacWorld 2008. Come sempre Apple ha fatto le cose molto in grande, ed in una sola giornata ha presentato nuovi prodotti e aggiornato i suoi vari siti, in modo da poter far gustare agli appassionati delle novità proposte.

Il prodotto sul quale la casa di Cupertino ha deciso di puntare con maggiore enfasi è sicuramente il MacBook Air, un nuovo portatile, con caratteristiche molto interessanti. In particolar modo, le dimensioni risaltano come punto di forza di questo nuovo prodotto, in quanto è un portatile ultrasottile (meno di 2 cm!). Questo ha comportato alcune scelte di implementazione per alcuni discutibili: il sistema è infatti disponibile con moduli di memoria RAM fusi nella scheda madre (e quindi non espandibili), non c’è la possibilità di sostituire la batteria, il numero di porte è assai limitato (non ci sono porte FireWire e ce n’è soltanto una USB, non c’è la presa Ethernet, tanto meno un modem, già eliminato nei MacBook da tempo), disco rigido da 80 GB da 1,4 pollici o opzionalmente Disco Solid State da 64 GB, non esiste alcun lettore/masterizzatore DVD/CD (è acquistabile un modulo separato a 99€). Altra nota di rilievo, il prezzo: si parte da 1699€ per la soluzione base, ben 650€ in più di un MacBook “tradizionale”.

Continua a leggere